Giappone e luoghi comuni: “Non è tutto oro quello che luccica” – I parte


Negli ultimi giorni, non appena il tempo me lo permetteva, mi sono divertita a cercare informazioni sul Giappone,  al fine di scoprire qualcosa di nuovo, di arricchire le mie conoscenze in merito… perchè non si finisce mai d’imparare su un paese così lontano in chilometri e in mentalità. Ho visto tanti bei video e letto anche articoli di persone che hanno a che fare col Giappone tutti i giorni e che espongono critiche interessanti.
Molti degli argomenti più gettonati si riassumono nelle seguenti frasi: “Vedere il Giappone da turisti è diverso dal viverlo”; “Non è tutto oro quello che luccica”, proverbio che ho usato come titolo di questo post; “Il Giappone ha un sacco di problemi”.

543555_10152061882410554_508310677_n

Sono tutte frasi esatte… Il Giappone non è il sogno esotico perfetto e ha un sacco di problemi, è un paese come gli altri e idealizzarlo è sbagliato, (poi lo si puo’ amare a prescindere, difetti compresi), ma quel che mi chiedo è perché la gente non dovrebbe già saperlo. Perché questo senso di allerta, questo tono di avvertimento, di segnalazione? Perché in pochi studiano e s’informano, è vero, ma soprattutto perché, ammettiamolo, stiamo talmente male in Italia, da voler sognare un po’ su paesaggi lontani, tanto da vederne solo i lati positivi! A prescindere, questo senso di allerta di chi critica tanto, pur non essendo sbagliato, suona più come un bisogno di parlare controcorrente per farsi notare… Cosa vogliam dire? Che il Giappone è alla fin fine un paese come gli altri e che è solo meno peggio di paesi come l’Italia? Francamente, per come sta di merda l’Italia al momento (e l’Europa appresso), il meno peggio è già oro colato a cui aspirare!

In questi giorni, fra vari post e video, ho così trovato esagerate sia le parole di chi esalta troppo il Giappone sia quelle di chi li critica: entrambe le parti erano mosse da pregiudizio… Perché chi esalta troppo sta in Italia e aspira a un modello migliore, chi critica sta magari in Giappone per studio o lavoro e sente la mancanza del paese nostrano (la cui percezione, dopo tempo, si basa più sui bei ricordi che sulla realtà). Questi estremi pensieri mi hanno dato l’idea di scrivere questo post, uno studio generale sui pregi e difetti del paese del Sol Levante, in contrapposizione però al resto del mondo, dato che non esistono civiltà perfette e ideali sulla terra su cui fare il paragone!
Andiamo allora a vedere in modo più obiettivo possibile come si presenta il Giappone agli occhi del mondo (partendo dai luoghi comuni), quali sono i principali problemi, e che percezione ne abbiamo noi, secondo punti di vista diversi.

onepiecechildhood

1 – In Giappone lavorano come pazzi
Il luogo comune per eccellenza sul Giappone: tutti pensiamo che i giapponesi si ammazzino di lavoro tutto l’anno, ma c’è chi dice “no”.

Nel 2007, come avrete letto nel resoconto del viaggio, abitavo con Harry in un appartamento in zona Akihabara, vicino c’erano degli uffici e ho visto con i miei occhi impiegati lavorare fino a tardi, come li ho visti recarsi in massa al lavoro la mattina, come l’ho visto per mezzo dei servizi perfettamente funzionanti… se le cose funzionano, è perche dietro ci lavorano persone con senso del dovere e responsabilità.
C’è chi dice che non è vero che lavorano tanto e che la spiegazione del fare tardi tutte le sere sta nella lentezza dei giapponesi, che non sono mai in grado di finire il lavoro in tempo. Ok… ma se il senso di responsabilità li porta comunque a restare sul posto pur di concludere, non è sbagliato dire che siano dei gran lavoratori! In Italia ci sono impiegati pubblici che non svolgono manco 1/10 delle loro mansioni e poi se ne tornano allegramente a casa!
Quindi confermerei che lavorano tanto, anche per colpa loro e per troppo senso del dovere, certamente, ma comunque lavorano.

2 – I giapponesi sono gentili e rispettosi.
È la prima cosa che notano tutti i turisti, ma c’è chi dice che la gentilezza è SOLO per i turisti.

La lingua giapponese fonda alcune regole importanti proprio sulla gentilezza e sul rispetto per il prossimo, il tutto in modo gerarchico. Quindi già solo il parlare trasmette tanta gentilezza e rispetto. È innegabile.

Un turista è già di per sé rispettato perché smuove l’economia, (ed è giusto che sia così), allora quando chiedono informazioni, molti giapponesi si strappano i capelli pur di riuscire ad aiutarli! Ho visto giapponesi portarmi la valigia su per le scale perché non ce la facevo, altri hanno lasciato perdere tutti loro impegni, pur di accompagnare me e a Harry a destinazione, persino alla ricerca di un fouton! Non possono essere casi isolati; la gentilezza nei confronti dei turisti c’è e si vede.

Ho letto però testimonianze di persone che, passando dall’essere turisti a stranieri in senso lato, stranieri che si stabiliscono, hanno notato un cambiamento nell’atteggiamento dei giapponesi… Qui conoscere l’indole giapponese e un po’ di storia del Giappone aiuta a capire perché si verifica questo.

Dovete sapere che i giapponesi si vantavano fino a poco tempo fa di essere una razza pura, una razza non contaminata (erroneamente, dato che la loro stessa origine pone dei dubbi) fino all’apertura forzata, che gli venne imposta dagli americani. Il Giappone voleva restarsene chiuso per i fatti suoi, ha sempre in passato guardato ai rapporti col resto del mondo al limite della convenienza, limitandosi a imparare il bello altrui per elaborarlo a suo modo, però poi chi s’è visto, s’è visto e ognuno a casa sua.
Si tratta di una forma di razzismo? Può essere. Li vogliamo condannare perché preferiscono pensare alla loro “razza”, prima degli altri? Li vogliamo condannare perché preferiscono dare prima lavoro a chi è giapponese di nascita? Guardando poi ancora al passato… Il Giappone è stato costretto ad aprire le porte all’occidente, gli abitanti erano da un lato eccitati di vedersi arrivare all’improvviso tante novità che non avevano mai visto, ma dall’altro spaventati di perdere l’identità, la genuinità dell’essere giapponesi. La letteratura del periodo non fa che analizzare questo momento di confusione, perdita, insicurezza, paura… ed è forse anche per questo che il Giappone ha imparato a conservare il vecchio, accostandolo al nuovo. Sono davvero pochi i paesi che in questo mondo globalizzato cercano di difendere la patria… Non è propriamente razzismo, sono punti di vista differenti e io li rispetto per la scelta, soprattutto per il fatto che vedo ogni giorno un’Italia e una Roma perdute della loro identità a causa anche delle mille culture che vi entrano e con assurda pretesa pretendono di fare come se fossero a casa loro.

Concludendo, i giapponesi sono gentili finché non ci stabiliamo a casa loro, pretendendo di diventare come loro. Razzisti? Puo’ essere. Pero diciamocelo… Nel mondo attuale si grida al razzismo in qualunque momento, anche quando è motivato dal bisogno di salvaguardare la propria cultura e il proprio paese da contaminazioni inutili.

3 – In Giappone non esiste microcriminalità
Stupisce sempre tutti! I giapponesi sono obesti e non ruberanno mai! Ma c’è chi dice che non è così…

Altro luogo comune, in Giappone nessuno ruba, quindi puoi andare in giro con borsa aperta, portafoglio e cellulare in bella vista. Ora… È ovvio che qualche furto in ‘sto paese deve essere avvenuto, altrimenti i manga di Detective Conan sarebbero stati impossibili da partorire per un giapponese, pur avendo sotto mano l’esempio di Lupin e Sherlock! I ladri ci sono pure in Giappone, utopico è pensare che non esistano e non siano mai esistiti. È il paragone con gli altri paesi che ovviamente conta.

La scorsa settimana leggevo un post interessante che sfatava il mito dell’assenza di furti in Giappone… L’autore aveva subito molti furti e raccontava di altrettante persone che si erano viste sparire la moto tipo 3 o 4 volte! Il paragone con l’Italia diventava nullo, erano quasi la stessa percentuale di furti. Questa cosa mi ha un po’ stupito perché nel mio unico viaggio a Tokyo ho visto davvero giapponesi andare in giro in tutta tranquillità con le borse aperte, pressati nelle metro, come una volta assieme ad Harry vedemmo un portafoglio a terra, con la gente che gli passava vicino e lo ignorava, che non provava nemmeno a guardare se dentro ci fossero dei soldi da mettersi in tasca. Quante probabilità ci sono di vedere scene simili in Italia? Com’è possibile che la percentuale di furti in Italia e in Giappone sia la stessa, quando per 30 anni qui a Roma non ho mai visto nessuno fare l’onesto, e in un mese a Tokyo ho assistito a più episodi di onestà?

———————————————————————————————–

totoro

Per oggi (stanotte in realtà) mi fermo qui, farò una seconda parte appena analizzerò altri punti interessabti 😉 Intanto cosa ne pensate di questi 3 punti che ho citato/analizzato e in generale delle critiche e degli elogi che girano per il web? Sfogatevi pure nei commenti, se ne avete voglia! Jaa ne! :*

Annunci

3 risposte a “Giappone e luoghi comuni: “Non è tutto oro quello che luccica” – I parte

  1. CHE SPETTACOLO CHE SIETE DA LEGGERE VOI FILO JAPPONESI.
    Cresciuti all’ombra di una cultura meravigliosa che vi ha giustamente deluso, cercate rifugio in un’altra che solo APPARENTEMENTE vi propone, il VOSTRO MONDO ROSA PERFETTO.
    Dove tutti hanno rispetto, dove tutti sono educati, dove non ci sono le merde dei cani per terra, dove non vi investono sulle strisce, dove i treni viaggiano e son veloci. Dove le vostre tasse vengono bene impiegate.
    GUARDATE dall’alto verso il BASSO LE PERSONE CHE HANNO UN PARERE NEGATIVO, O IN QUALCHE MODO POSSANO INTACCARE IL VOSTRO SOGNO ROSA.
    Li chiamate ” soliti italiani”…. che buffa ironia che ad essere “I SOLITI DALLA VISIONE CONCAVA, I SOLITI CHE NON RIESCONO A GUARDARE AD UN PALMO DAL PROPRIO NASO DA CAPIRE CHE QUESTE… siano SOLO CAZZATE! siate VOI
    In un Giappone immacolato, sensibile….dove tutto funziona.
    Riuscite SOLO a valutare il mondo da quanta merda sui marciapiedi c’è o da quanto è profondo un grazie o un inchino..
    o da quante macchine si fermano al semaforo, siete LIMITATI nel vostro piccolo mondo del cazzo…. dove potete sentirvi CITTADINI FELICI E SICURI!!!!
    stupendo anche leggere questo commento a distanza di anni da Fukushima. In un paese che inquina esattamente come gli altri (basti guardare le mappe della NASA più recenti),
    In un paese che ESALTATE PERCHE’ NON HA LE MERDE PER TERRA …MENTRE CON L’ALTRA MANO uccide in quantità industriale DELFINI e BALENE in estinzione.
    Che non ha avvisato la propria popolazione della contaminazione, e continua a mantenere la disinformazione. Mentre allegramente mangiano pesce che potrebbe illuminare un quartiere e fanno il bagno ai propri figli nelle radiazioni.
    In un paese che NON SI RIBELLA APERTAMENTE a governi PROPRI ED ESTERI che non manifesta il dissenso alle porcate CHE IL GOVERNO GIAPPONESE FA, come TUTTI I GOVERNI.
    In un paese dove la CONSAPEVOLEZZA POLITICA e POLITICO/MONDIALE è praticamente inesistente tra i giovani (e questo state zitti..non negatelo).
    in un paese che LEGGE 5 VOLTE quello che legge l’ Italia ma che ha un quarto della sua coscienza, dell’essere combattivi contro le istituzioni UGUALMENTE corrotte.
    che cazzo leggi a fare…se non ti apre al mente.
    SI SI E’ INDUBBIAMENTE IL PAESE IN CUI VORREI VIVERE.
    Ma almeno sono contento che questi CORAGGIOSI SOLDATINI italiani abbiano avuto la buona idea di andare via dall’ Italia perché evidentemente incapaci e non volenterosi di LOTTARE per il proprio paese.
    Si voi indubbiamente state bene li, come noi qui.
    E’ vero inutile scambi culturali, dimentichiamoci L’ UNO DELL’ ALTRO.
    Davvero divertente…come l’uomo riesce a procurarsi una totale cecità, pur di vivere il suo “mondo immacolato”.
    NO FORSE NON E’ POI TANTO DIVERTENTE.
    continuate a contare peli.

    • Davvero un commento interessante! Interessante perché dimostra un forte grado di superficialità e una supponenza nei confronti di chi è appassionato di un paese lontano come il Giappone. Non serve scrivere che il Giappone non viene da noi visto come un paese perfetto e che semplicemente vorremmo che l’Italia prenda esempio per alcune delle caratteristiche che lo contraddistinguono… Persone come voi commenteranno sempre che non siamo in grado di vedere bene e che ci rifugiamo in un sogno da noi montato.
      Chi, come me, vede nel Giappone alcune caratteristiche da cui l’Italia dovrebbe prendere esempio, non è altro che una persona che si guarda intorno e che è stanca degli italioti che hanno distrutto e continuano a distruggere questo paese. Non ambiamo a scappare in Giappone, perché, e l’ho scritto in più post, l’abbiamo vissuto come turisti o al massimo come studenti, quel che vogliamo è un Italia migliore, che sappia guardare alle cose buone.
      Quindi togliti subito dalla testa quest’idea malsana secondo la quale siamo idiote annebbiati da un sogno, perché non ci hai capito proprio niente. Prova ad esempio a leggerti il mio post su Roma…
      Quel che invece proprio non riesco a concepire è l’accettazione di italiani come te del nostro paese. Parli di merde per strada come se il problema fosse quello, dici di contare i peli, come se l’Italia avesse problemi da nulla… Mi citi Fukushima e pare che tu non sappia che ogni giorno sulle nostre tavole mangiamo prodotti che provengono da terre dei fuochi sconosciuti, pare che tu non conosca cose come la mafia, le tangenti, l’abbandono della cultura e dei giovani… Pare tu non sappia che qui ogni giorno muoiono persone di tumori x quello che si mangia e si respira e che lo stato ha avuto il coraggio di dirgli che è accaduto a causa dello stile di vita e delle sigarette che si sono fumate… (spesso sono bambini ad ammalarsi). Pare che tu non sappia che muoiono molte più persone di tumore che in giappone, dove c’è il nucleare… Potrei andare avanti ancora per molto, ma preferisco consigliarti di guardarti un po’ intorno per scoprire in quale merda di paese viviamo. Io amo l’Italia, è per questo mi incazzo quando vedo quei soliti italiani che adottano il classico comportamento “se frego il prossimo sono un gran fiko”. Chi chiude gli occhi e non è in grado di vedere in molti altri paesi alcuni esempi dai quali l’Italia potrebbe attingere per migliorare non ama l’Italia, é italiano solo perché ce l’ha scritto sulla carta d’identità, è molto meno italiano di noi.
      Ah, per la cronaca, io sono in Italia e continuo a combattere, se voi però non vi mettete subito in testa che l’Italia ha gravi problemi, non riusciremo a cambiare mai niente… Se preferite restare con l’idea di non fare niente perché tutto si sistemerà, cullati (voi) nella vostra cecità, allora dovreste andarvene dall’Italia. State contribuendo a distruggerla.

    • Poi ancora più divertente il fatto che tu abbia deciso di commentare un post che parla dei buoni luoghi comuni sfatati/non statali del Giappone. Sei fortunato che io abbia deciso di rispondere al tuo commento tanto superficiale e preparato… Dimostra che ho ancora una minima speranza pure nei confronti di italioti come te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...